Cosa fare

La Valle di Ribordone è una delle più selvagge e intatte valli piemontesi. La natura è incontaminata, protetta dal Parco del Gran Paradiso e dallo spopolamento in atto a partire dal primo dopoguerra, e pochissimi interventi umani sono intervenuti a turbarla in anni recenti.

Camminate per la valle - I sentieri sono numerosi e in molti casi raggiungono gli alpeggi abitati dai margari che, da giugno a settembre, portano in transumanza mandrie di mucche, pecore e capre, dal Ciantel del Re (Cianti du Roi) all'Oregge (Ureggi), dal Pian Crest al Reiss.

Ci sono percorsi adatti a tutti, da semplici sentieri lastricati con dislivello di poche centinaia di metri (ad esempio la vecchia strada che, fino agli anni 50 per centinaia di anni ha portato i pellegrini al Santuario di Prascondù) a escursioni impegnative per persone esperte e debitamente attrezzate, come la salita al monte Colombo, con un dislivello di 1.400 metri, la vetta più alta della Valle (m. 2878) da cui si apre un paesaggio mozzafiato su tutte le Alpi oppure quelle verso il lago Gelato o il lago del Lazin. 

Proprio perché la natura è incontaminata, è necessario affrontarla con l'abbigliamento adeguato, scarponcini o scarponi, bastoncini e giacche a vento adatte alla stagione.

Santuario di Prascundù - Al fondo della valle è situato il Santuario dedicato alla Madonna di Prascundù, raggiungibile in auto dalla carrozzabile oppure, partendo dalla frazione Boscalera, dalla vecchia strada lastricata in uso fino agli anni '50 (circa 30 minuti a piedi).

Edificata nel 1620, la chiesa custodisce una secentesca icona in legno raffigurante la Madonna di Loreto alla quale è dedicata. La sua costruzione è dovuta ad un evento miracoloso, l'apparizione della Madonna al pastorello Giovannino Berrardi nel 1619. Di grande importanza, il 27 agosto, la festa del Santuario con vasta partecipazione di fedeli ed il tradizionale incanto degli oggetti donati dai partecipanti.

Proprio qui il Parco Nazionale Gran Paradiso ha allestito l'Ecomuseo della Religiosità Popolare (per informazioni e visite, fare riferimento al sito del Parco www.pngp.it

La pesca nel torrente - l'Associazione Pesca Sportiva Ribordonese supporta tutti gli appassionati che vogliono cimentarsi nella pesca alla trota nel torrente Rio Bordone. è possibile acquistare i tagliandi che autorizzano alla pesca presso

                  Ristorante The Wolf - Frazione Talosio - Ribordone

                  Merceria/abbigliamento "BLESSENT Manuela", Piazza Obertino 19 - SPARONE 

                  GIGA PESCA , via XXV Aprile - CASTELLAMONTE


Una sera al ristorante - nella stagione estiva nella valle sono aperti due ristoranti:

The Wolf, in Frazione Talosio 46

La locanda del Sole,  presso il santuario di Prascondù.